Pubblicato il: 18 agosto, 2012 in: Arezzo

 

Calendario Venatorio Provinciale; le proposte di Enalcaccia.

Siamo prossimi alla riunione della Consulta Provinciale della Caccia ove sarà discusso, dopo lunga attesa, il calendario venatorio provinciale della imminente stagione di caccia.

Volendo andare oltre alla diatriba tra Provincia di  Arezzo e Regione Toscana, innescatasi proprio per il ritardo nel definire il calendario, noi, come Enalcaccia Provinciale, vogliamo ribadire che se tale ritardo si è verificato, tutto  ciò è dovuto alle modifiche apportate dalla Regione alla legge 20/2002 –  calendario venatorio  regionale: nell’ ultima riunione della Consulta, l’ Amministrazione Provinciale ci informava della situazione che andava definendosi  a livello regionale e cioè della volontà da parte della Regione Toscana di ridurre i tempi della caccia al  cinghiale in battuta limitandoli a novanta giorni, in adeguamento alla normativa nazionale, il tutto  riconducibile ad un ricorso presentato  dalle associazioni ambientaliste al  calendario 2011/2012 della Provincia di Firenze, ancora al’ esame della corte costituzionale; ecco il perché del  grave ritardo: per attendere, con speranza, soluzioni da parte della Regione che prevedessero la caccia al  cinghiale per l’ intera stagione venatoria.

Arezzo, con la massima approvazione dell’ Enalcaccia ed anticipando la Regione che ha deliberato in merito, sette otto anni dopo, è stata la prima provincia toscana a prevedere, fin dai primi anno 200, con appositi decreti straordinari, la caccia al  cinghiale per l’ intera stagione venatoria – dall’ apertura generale al 31 gennaio -; il tutto per limitare gli ingenti danni alle produzioni agricole e gli incidenti stradali che il cinghiale provoca, oltre che, molto importante, per avviare l’ attività venatoria tutta nella stessa giornata, evitando  di  concentrare gli abituali cacciatori di  cinghiale nella caccia al  fagiano, lepre, starna e pernice e quindi una eccessiva rarefazione di  queste specie, già in difficoltà. Prevedere di  ridurre i tempi della caccia al  cinghiale in battuta, per noi Enalcaccia, è una grandissima perdita che Arezzo, dopo anni di impegno e risultati da parte di  tutti  i soggetti preposti, Provincia, Associazioni Venatorie e cacciatori, non può permettersi: considerato  che la Provincia oggi è in difficoltà nell’ emanare provvedimenti straordinari, valutato l’ incerto futuro delle Province, la Regione dovrà assumersi le proprie responsabilità e dovrà muoversi politicamente nell’ immediato, trovando la giusta soluzione per confermare i vecchi  tempi di  caccia al cinghiale.

Proponiamo inoltre che la Provincia inoltri apposita richiesta alla Regione Toscana per autorizzare 2 giornate di  preapertura nei giorni 1 e 2 settembre, alle specie colombaccio, tortora (streptopelia turtur), merlo, ghiandaia, cornacchia e gazza da appostamento fisso e temporaneo  e, da appostamento fisso, nei  laghi  artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, agli anatidi previsti.

Chiediamo che la caccia alla beccaccia in gennaio, possa essere esercitata anche con il cane da cerca, in virtù del fatto che tutti i cacciatori devono avere le stesse opportunità e che tutte le razze di cani specializzati per la caccia a determinate specie devono avere la stessa considerazione; inoltre, ogni cacciatore, per la caccia alla beccaccia in gennaio, potrà cacciare con 2 cani da ferma o da cerca e non con uno, come prevedeva il calendario dello scorso anno.

Chiediamo che, negli appostamenti fissi a palmipedi e trampolieri si possa far uso  di cartucce caricate a piombo: prevedere come Io scorso anno, l’ obbligo  di  munizioni con pallini d’ acciaio crea difficoltà economiche nei cacciatori di questa disciplina, nell’ acquistare munizioni speciali e canne adeguate che hanno  costi elevatissimi.

Si auspica che in preapertura  e durante la stagione venatoria 2012/2013, la Provincia di Arezzo, autorizzi interventi di controllo del colombo di città e dello storno ai cacciatori abilitati; tale attività, unica tra le province toscane e fiore all’ occhiello della nostra provincia, consente di ridurre notevolmente i danni provocati alle produzioni agricole da queste specie, valutato  soprattutto  che la deroga regionale applicata solo sullo storno prevede  disposizioni molto  restrittive nella sua applicazione e, di  conseguenza, scarsi risultati ai  fini  degli  abbattimenti, rispetto a quelli ottenuti con l’ applicazione degli interventi straordinari disposti dalla Provincia di Arezzo. 

Si raccomanda che sia confermata, fin dall’ apertura generale, la possibilità ai cacciatori di disporre di 5 giornate cacciabili, di cui  3 a scelta, esercitabili  per l’ intera stagione venatoria, una volta tenuto conto  delle eventuali proposte dell’ ATC 2; questo argomento, per noi di fondamentale importanza, sancisce la libertà del cacciatore di potersi organizzare su cinque giornate scegliendone tre, non vedendosi imposto l’ obbligo di  cacciare a giornate fisse.

Si chiede infine di prevedere un’ area di  tutela per la starna nell’ area di fondovalle del  Casentino, così come proposto dalle associazioni venatorie locali, allo scopo di  favorire lo sviluppo di  questa specie. 

Iacopo Piantini
Presidente Provinciale Enalcaccia Arezzo 

Enalcaccia Toscana - Via Vittorio Veneto 224 - 52100 - Arezzo - tel 339 2086000 - fax 0575 295666
Powered by Gellus Soluzioni -- Hosting by InitZero

Creative Commons License