A Chieti, la caccia in festa tra scienza e gestione dell’ambiente.

168

Egregiamente organizzata dalla Sezione Provinciale Enalcaccia di Chieti, si è tenuta, il 25 giugno scorso, ad Orsogna, presso il ristorante Altamira, la festa della Caccia e dell’Ambiente.
La festa, svolta ogni anno, vede il realizzarsi di iniziative di interesse faunistico venatorio, che, rivolte ai sempre numerosi partecipanti, si articolano in convegni a tema, con interventi di tecnici ed esperti faunistici, dibattiti ed interventi delle autorità, quali amministratori pubblici e dirigenti dell’Enalcaccia.
Quest’anno, il Presidente Provinciale Rocco Cipollone, curando al massimo l’iniziativa come ad ogni sua edizione, ha coinvolto due giovani soci Enalcaccia, laureati in scienze faunistiche, che, a seguire dopo l’apertura dei lavori per opera del Presidente Cipollone, si sono cimentati con estrema competenza, sulle tematiche attuali, quali l’emergenza lupo e l’emergenza orso.
Il dr. Antonio Polidoro ha illustrato i dati scientifici relativi allo sviluppo sul territorio nazionale del lupo e dell’orso, con riferimenti alle normative vigenti che vedono queste specie oggetto di particolare tutela. E’ poi passato, per ciò che concerne invece le specie cacciabili oggetto di attività di controllo per le problematiche ad esse connesse, a descrivere la figura del cacciatore, sempre più “sentinella del territorio e gestore indispensabile dell’ambiente”.
Il dr. Davide Di Giacomo, si è soffermato, nel suo intervento, sulla biologia del lupo, sulle statistiche, che attestano la specie ad una presenza di 3500 capi distribuiti sul territorio nazionale, sul suo comportamento , che lo vede sempre più un animale meno schivo e più sfrontato nei confronti della presenza dell’uomo,.
Spinto dall’amicizia che mi lega al Presidente Cipollone, meritevole dirigente Enalcaccia, ho partecipato all’evento con particolare interesse, sia per i temi trattati nel convegno svolto, che sono temi attuali di estrema importanza, soprattutto se trattati con il supporto della scienza, fondamento essenziale per una corretta gestione dell’ambiente, sia per rendere onore all’eccellente organizzazione dell’intera manifestazione, che raccoglie un numero sempre più importante di soci partecipanti.
Accompagnato dal Vice Presidente della CNTV dell’Enalcaccia Riccardo Landi e dal Presidente del Collegio dei Sindaci Enalcaccia Mario Rubeca, e’ stato quindi per me motivo di orgoglio partecipare, in qualità di Vice Presidente Nazionale Enalcaccia, in rappresentanza del Presidente Cardia, alla Festa della Caccia in qual di Orsogna, durante la quale, nel mio intervento, ho rassicurato i presenti che l’Enalcaccia è da tempo impegnata a tutti i livelli affinchè il legislatore riveda la vigente normativa, ponendo il lupo quale specie oggetto di controllo e contenimento.

Di particolare interesse è stato l’intervento del Consigliere Regionale Fabrizio Montepara, sensibile alle problematiche che assillano oggi il mondo venatorio.
Al temine del convegno, e’ seguito un partecipatissimo pranzo sociale, durante il quale il Presidente Rocco Cipollone, il Delegato Regionale Enalcaccia Abruzzo Pasquale Di Marco, il Presidente Provinciale dell’Enalcaccia di Teramo Avv. Giuseppe Olivieri, alternandosi ai dirigenti nazionali dell’Associazione, provvedevano a consegnare ai soci presenti ritenuti meritevoli, attestati di riconoscimento ed encomio.
Con il taglio della torta, debitamente preparata con il logo dell’ Unione Nazionale Enalcaccia e la successiva estrazione della lotteria svolti nel pomeriggio, si concludeva una manifestazione che, per come portata a compimento, tenuto conto dell’importanza sociale che riveste e dei temi trattati durante il convegno, ritengo veramente di prim’ordine.

Iacopo Piantini Vice Presidente Nazionale Enalcaccia