Campionati Nazionali Enalcaccia per cani da seguita su cinghiale categorie singolo e mute…..un successo confermato!!!!

144
All-focus

Campionati Nazionali Enalcaccia per cani da seguita su cinghiale categorie singolo e mute…..un successo confermato!!!!

Una stagione cinofila ricca di eventi, che conferma un percorso tracciato e consolidato negli anni dalla Sezione Provinciale Enalcaccia di Arezzo, quella conclusasi con la cerimonia di premiazione dei due campionati nazionali Enalcaccia categorie singolo e mute per cani da seguita su cinghiale, tenuta presso l’agriturismo “La Casa del Buono”, in quel di Terranuova Bracciolini, lo scorso 14 luglio, sotto l’egida della Presidenza Nazionale dell’ Associazione.
Il Campionato Nazionale Enalcaccia per Cani da Seguita categoria Singolo, creato in terra aretina e giunto alla sua quarta edizione, è stato ospitato, fin dalle fasi di semifinali, presso la nostra area addestramento “Il Macchione Bellavista” di Castiglion Fibocchi; una struttura, questa, che, per la favorevole ubicazione, le caratteristiche orografiche e la particolare ampiezza, si presta in modo eccellente per accogliere prove cinotecniche di particolare rilievo: Collocata sulle pendici del massiccio del Pratomagno, catena montuosa che, dall’alto dei suoi 1600 mt. slm, si pone a confine tra le province di Arezzo e Firenze; ambienti di valore ambientale inestimabile, dove i prati d’altura, ancor oggi adibiti a mandria di chianina e del cavallo maremmano, giù giù degradando, danno posto ad imponenti foreste di faggio, nell’uno e nell’altro versante….paesaggi, dico spesso io, che, per chi ha la fortuna di frequentarli, rigenerano la vita!!!
Il XXI Campionato Nazionale per Cani da Seguita su Cinghiale categoria Mute B, è stato ospitato, in tutte le sue fasi, sempre presso il”Macchione Bellavista”, mentre, per la categoria A, la sola prova di finale, con lo scopo di rendere ulteriore lustro all’ottenuto riconoscimento dell’ENCI, si è svolta nelle strutture dell’ Area Addestramento Cani “Piancardato” di Collazzone, amena collina immersa nella verde Umbria.
A questo impianto, che compone un ospitale centro cinofilo venatorio e del tiro a volo di tutto rispetto, sono riconosciute, ovunque, le affermate qualità, riportate in più occasioni nelle riviste specializzate e confermate, per aver ospitato negli anni, eventi cinofili nazionali ed internazionali di tutto prestigio.
Dalle fasi di qualificazione provinciale dei due campionati, avviate ad inizio marzo, oltre settecento soggetti a concorso sono passati al vaglio delle giurie nominate dalla Sezione Provinciale, coordinate dal Delegato Enalcaccia Santino Dini, responsabile provinciale di fresca nomina che, dall’alto della sua pluriennale esperienza, ha condotto con capacità indiscussa ed ammirevole abnegazione entrambi i campionati nazionali. Giornate, queste, all’insegna di una sana cinofilia, della socializzazione e dell’ amicizia…….una buona qualità dei cani, preparati per ottenere il migliore dei risultati, il giusto entusiasmo di concorrenti ed organizzatori, il rispetto reciproco, hanno caratterizzato le giornate di prova.
La gradita presenza dell’Avv. Lamberto Cardia, Presidente Nazionale Enalcaccia, alla cerimonia di premiazione, ha reso ulteriore lustro e prestigio all’intero evento; nel suo articolato ed autorevole intervento, salutando i numerosi convenuti, il Presidente ha evidenziato l’ importanza sociale che le manifestazioni cinofile hanno, la rilevanza economica e sociale che, in forma ben più ampia, ha la caccia nella società, l’ impegno che l’Enalcaccia mette in campo a tutti i livelli, in difesa della nostra passione. A conclusione, il Presidente Nazionale si congratulava vivamente con la Sezione Provinciale di Arezzo, ringraziandone particolarmente il suo Presidente, per aver onorato, senza dubbi di sorta e con risultati di tutto rispetto, l’impegno assunto e confermato ormai negli anni dell’organizzazione di un susseguirsi di manifestazioni nazionali.

Tra le autorità associative, oltre al Presidente Provinciale e Vice Presidente Nazionale Iacopo Piantini, presenziavano il Vice Presidente Nazionale Dr. Giuseppe Angiò, il compianto Presidente della Commissione Nazionale Tecnico Venatoria Giuseppe Pascale, il Vice Presidente Provinciale Vicario dell’Enalcaccia aretina Tommaso Romualdi ed il Delegato Regionale dell’Enalcaccia Toscana Eugenio Contemori che, intervenendo, si complimentava con tutti i concorrenti, per la qualità dei cani presentati nelle prove. Piantini, ad apertura della cerimonia, esprimeva parole di ringraziamento nei confronti dei responsabili delle aree addestramento cani Giuliano Nocentini, Marcello Santini e Sauro Cappini, referenti, questi ultimi due, delle strutture ove la Sezione di Arezzo ha organizzato le prove di qualificazione provinciale, dei giudici cinofili Santino Dini, Moreno Agnelli, Alessandro Fabbri, Alessandro Micheli, Luca Santini, Gabriele Fratini e del giudice ENCI Mario Galletti, delle Sezioni Provinciali di Salerno, Perugia e Latina, organizzatrici delle prove di qualificazione, delle aziende sponsorizzatrici Canicom, Guarino, Nature Italia, Armeria Paoletti, Armeria Bruschetti e Di Grillo Confezioni, rivista specializzata “Cani & Cinghiali”, per aver offerto premi di particolare pregio e, dei concorrenti, linfa vitale dei campionati.
Al termine degli interventi, accompagnati dalle note dell’ Inno di Mameli, si procedeva alla proclamazione dei campioni nazionali nelle tre discipline, assegnando Loro trofei, quali coppe e piatti artigianali in ceramica di Deruta, attestati di riconoscimento e gagliardetti di campione, confezioni di mangime per cani, giubbotti anti lesione per cani, radio collari e vestiario da caccia, messi in palio dalle aziende sponsorizzatrici.
E’ salito nel gradino più alto del podio del Campionato Nazionale per Cani da Seguita categoria Singolo, il perugino Paolo Martinelli con il segugio maremmano Tormento 1 ecc., seguito dall’aretino Giuliano Nocentini con il segugio maremmano Kile 2 ecc. e dal gascon saintongeois, condotto dal senese Davide Terrosi 3 ecc.
Nel Campionato Nazionale per Cani da Seguita categoria Mute B, l’ambito titolo di campione nazionale è stato assegnato al socio aretino Piergiuseppe Migliorini, che è salito ai vertici del podio con i segugi maremmani Tromba, Dido, Mora, Bufera, Breda, Tajo I e Tajo II, 1 M.B., seguito dal perugino Alessio Fiorucci, conduttore della muta di segugi misti Peggy, Ringo, Zara, Bianco, Zac, Falco, Dick e Drago 2 M.B. e dal cortonese Raffaello Simonetti, con la muta di segugi maremmani Giulio, Tamburo, Pistone, Musolino, Bionda e Perla.
Il prestigioso titolo di campione nazionale Enalcaccia per Cani da Seguita categoria Mute A, con il rilascio di relativa qualifica ENCI, è stato assegnato al socio aretino Giuliano Nocentini, che è salito ai vertici del podio con la muta di ariègeois Otto, Selva, Olga, Maya, Ares e Golia 1 ecc.; al secondo gradino è salito il perugino Jacopo Bartolini con la muta di Basset Griffon Vandeen Gianni, Giulio, Giulia, Giada,Mosè, Ginevra, Gaia e Marino 2 M.B., seguito dal viterbese Vincenzo Spaccapeli, al guinzaglio della muta di ariègeois Zara, Pegaso, Bandito, Leo, Crasso, Nilo e Nickel.
Al termine della cerimonia di premiazione, seguiva la consueta cena sociale, alla quale, a conferma dell’ ampio successo riscosso, prendevano parte oltre 150 convenuti.

Iacopo Piantini